Volando sull’Isola d’Elba

Quante sono le buone ragioni per programmare e trascorrere una vacanza all’isola d’Elba?

Le stupende spiagge, il mare cristallino, i sentieri a picco sulle scogliere, i percorsi mountain bike, le moltissime testimonianze che le civiltà passate hanno lasciato, lawilderness, sorprendente, il senso di incontaminato, di area naturale protetta, tranquilla, dove è davvero possibile isolarsi dal resto del mondo, abbandonarsi al più completo relax, no stress, no routine.

Ma come si arriva all’isola d’Elba?
Con il traghetto, certo! Ma, oltre alle compagnie marittime “Moby & Toremar” attive tutto l’anno, alla “BluNavy” e all’ “Elba ferries” che impiega solamente trenta minuti per la traversata, questo inverno vi è stata una novità grandiosa, sicuramente da me apprezzata moltissimo: la compagnia aerea “Silver Air” è arrivata all’Isola d’Elba per garantire la continuità territoriale dell’isola con Pisa, Firenze, Milano Linate e Lugano. Ma non solo, grazie alle connessioni in essere con le città europee su Pisa, Milano e Firenze è possibile raggiungere l’isola d’Elba anche da molte zone d’Europa.

I vantaggi che offre questa compagnia sono straordinari: la breve durata del volo e le moltissime promozioni: “Battesimo del volo”, cioè il primo volo andata e ritorno in giornata è gratuito; “Tariffa 2×1”, cioè due biglietti al prezzo di uno, solo nei periodi di bassa stagione; “Tariffa nativi”, cioè coloro che sono nati all’Isola d’Elba ma non vi risiedono beneficiano ugualmente della tariffa “residenti”; neonati gratuito e fino ai12 anni pagano solo le tasse.

Prendo il volo da Pisa, alle ore 16; invio subito una mail per prenotare il volo, la segretaria gentilissima mi spiega che la prenotazione è valida fino al giorno stesso della partenza, quindi non è necessario comprare il biglietto nell’immediato.

Durante il viaggio in treno verso l’aeroporto sono ansiosa e curiosa, non ho la minima idea di cosa aspettarmi: sarò sola? Quanto sarà grande l’aereo? Come raggiungerò l’aeroporto dalla stazione?
Arrivo alla stazione e subito vedo il cartello con le indicazioni per l’aeroporto, appena qualche metro ed ecco una navetta che sembra proprio aspettarmi per partire.

Entro nell’aeroporto e già il check-in per Marina di Campo – Isola d’Elba – è aperto; ovviamente a differenza degli altri sportelli, dove vi sono persone in fila con il passaporto in mano ansiose e stressate per paura di perdere il volo, io molto tranquillamente consegno la mia carta di identità e mentre cerco la foto del biglietto sul cellulare, la hostess gentilmente mi spiega che non serve perché ha già trovato il mio nome nella lista passeggeri.

Con il biglietto in mano, dunque, mi dirigo alla sala d’attesa, dove regna il caos dei viaggiatori in ritardo, io, invece, mi metto seduta al gate numero 1, dove vi è assoluta pace, e con stupore scopro che vi sono altre cinque persone dirette all’Isola d’Elba: due signori che sono di ritorno da una visita medica, due ragazze che hanno trascorso una giornata di shopping, e un finlandese e due americani in vacanza in Italia.

Finalmente arriva il momento dell’imbarco, saliamo su un bus tutto per noi, e subito dietro l’angolo eccolo là: un mini aereo nero scintillante che ci attende.
I due piloti ci stanno salutando mentre un signore dell’equipaggio sta caricando le nostre valigie sull’aereo, quindi con grande sollievo deduco che potrò stare tranquilla, senza la paura che venga perduta o spedita in un’altra destinazione.
Saliamo sull’aereo e subito il primo pilota si presenta, ci spiega che possiamo sederci dove vogliamo e poi come da routine ci mostra le uscite di sicurezza, dove si trova il salvagente, come allacciarsi le cinture…, ed infine ci offre crackers, caramelle, acqua e succo.
Per me la sua voce è solo un suono di sottofondo perché dall’istante in cui sono salita sono impegnata ad osservare ogni minimo dettaglio dell’aereo, sono affascinata da questo mini aereo da 16 posti e soprattutto dalla cabina di pilotaggio, dove l’altro pilota sta comunicando la nostra partenza e sta attivando le eliche.

In un batter d’occhio si parte: stiamo attraversando la pista per il decollo, aumenta la velocità e senza accorgermene siamo già in volo; me ne rendo conto solamente dall’ombra dell’aereo che man mano che ci innalziamo diventa sempre più piccola, fino a quando attraversiamo le nuvole, sembrano soffici come lo zucchero a velo e poi ecco il sole, una palla di fuoco così lontana ma anche così vicina… arrivo Isola!

Foto di Alessandro Vecchio

Articoli correlati

la magic princess durante le gite in barca all'Isola d'Elba

Gite in barca all’Isola d’Elba: vi consigliamo le gite da non perdere!

Se state cercando esperienze uniche durante la vostra permanenza all’Isola d’Elba, non potete perdervi l’opportunità di partecipare a una o più gite... Leggi tutto

Elba, isola di albe e tramonti che sorprendono e incantano

“Sapete, è geniale questa cosa che i giorni finiscono. E’ un sistema geniale. I giorni e poi le notti. E di nuovo... Leggi tutto

Il mare d’inverno: la tradizione nel piatto all’Enoteca della Fortezza

Nella parte alta del mai sufficientemente declamato centro storico di Portoferraio si nasconde – credeteci, è proprio il caso di dirlo –... Leggi tutto

Cerca
0 Adulti
0 Bambini
Animali
Cerca

Febbraio 2024

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
0 Guests

Compare listings

Compare

Compare experiences

Compare
Impostazioni Cookie
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Apri chat
1
Chatta con noi!
Ciao! 👋
Benvenuto nella chat di Appartamenti Isola d'Elba. Apri la chat per scriverci un messaggio su whatsapp, risponderemo il prima possibile!